Anodizzazione alcalina

Negli ultimi anni l'utilizzo del magnesio e delle sue leghe ha conosciuto un rapido incremento grazie alla sua leggerezza e al suo basso costo. La sua lavorazione è molto delicata perché, se non effettuata correttamente, potrebbe dare dei risultati poco soddisfacenti in termini di efficienza e qualità.

La soluzione più indicata l'ossidazione anodica di questo materiale è l'anodizzazione alcalina, procedimento che si dimostra utile soprattutto per la preparazione alla verniciatura: la capacità del magnesio di assorbire e legarsi alle resine delle vernici si riduce gradualmente durante l’esposizione all’atmosfera perché ne assorbe l’umidità. 

 

È questa la ragione per cui si procede con un trattamento elettrochimico speciale, immergendo il pezzo in magnesio in una soluzione alcalina che contiene ioni che hanno una reazione con questo metallo. Connettendo il tutto a un polo positivo di un generatore di corrente, si forma sulla superficie uno strato denso non conduttivo, la cui composizione dipende dalla soluzione nella quale è immerso e il cui spessore è strettamente correlato al passaggio di corrente.

 

Per ottimizzare tutto il processo viene applicato un primer, appositamente selezionato per offrire la massima compatibilità con lo strato anodico, e che estende il tempo di applicazione della verniciatura e garantisce un più facile superamento dei test di corrosione con proiezione del pietrisco per l’omologazione T.U.V. 

Lo spessore del rivestimento ottenibile è di 5 - 40 mm in funzione dello scopo. Per trattamento preverniciatura è consigliato uno strato di 5 - 10 mm, mentre nel caso in cui lo scopo è il miglioramento della resistenza all’abrasione conviene utilizzare spessori compresi tra 20 - 40 mm.

La microdurezza di uno strato d’ossido anodico è normalmente di 350-400 HV ed è misurata, secondo la SIL 11.01.209, sulla sezione del rivestimento applicando un carico di 25 g. Per una corretta determinazione lo spessore del rivestimento deve essere mediamente 30-40 mm.

 

Questo trattamento è applicato soprattutto sui cerchi delle moto da competizione dei campionati mondiali su pista e sulle moto a tiratura limitata, dove sono indispensabili le riduzioni di peso ma è altrettanto importante poter applicare le verniciature senza il pericolo di un distacco od una fioritura.


richiedi Maggiori informazioni

Lattes è a tua completa disposizione per fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Brand
TIER II
Non esitare a contattarci!
  • Lattes s.p.a.
  • Via Tiziano Vecellio, 4 Borgaro Torinese , 10071 Torino
  • C.F. e P.I. 06219540017